torna alla pagina iniziale del sito

Tutela e valorizzazione
delle lingue minoritarie storiche - Francese e Occitano

Sito in lingua Italiana Sito in lingua Inglese Sito in lingua Occitana

I finanziamenti della Legge 482/99, permettono di organizzare corsi di lingua e cultura rivolti ai dipendenti pubblici e aperti a tutti. Ogni anno in autunno le associazioni culturali comunicano i corsi attivati ed i relativi programmi.

Per saperne di più:

  • Corsi di occitano on line: al  momento il corso è disponibile per la variante della Val Germanasca; un corso analogo per la variante Val Pellice è in fase di revisione
  • Dispensa di fonetica: Questa dispensa è di carattere introduttivo, ed è pensata per chi ha necessità di confrontarsi con diverse grafie: una conoscenza di base della fonetica articolatoria permette infatti di impadronirsi dei meccanismi che stanno alla base della costruzione delle diverse convenzioni grafiche. Per affrontare lo studio della fonetica è opportuno fornire dei cenni di linguisticagenerale. Tutti i testi proposti sono tratti da opere di carattere introduttivo alla linguisticagenerale, che vengono riportati in bibliografia. Le nozioni sono necessariamente esposte procedendo per generalizzazione, e sono da intendersi come propedeutiche alla lettura e allo studio dei testi specialistici citati.
  • Que drole ‘d na bèstia: dispensa sugli animali chimerici delle Valli Pellice, Chisone e Germanasca
  • Impara le curiosità del territorio pinerolese con il Game on line in Occitano e Francese
  • I corsi e le attività di animazione del territorio: archivi

Formazione anno 2012

Francese 2012 Occitano 2012


Archivio anni precedenti

Clicca sull’anno che ti interessa per scoprire tutte le iniziative.
2011 2010 2009 2008 2007 2006 2005


Corsi di lingua 2014

← Torna alla Home
“Progetto finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito del programma degli interventi previsti dalla Legge 15 dicembre 1999 n.482 Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche e coordinato dall’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte Settore Promozione del patrimonio culturale e linguistico”